+39.348.8854617   |   [email protected]   |    SPEDIZIONI GRATUITE IN TUTTA ITALIA
  |   ACCEDI  |   WISH LIST
  |   ACCEDI  |   WISH LIST

OLEOLITO DI LAVANDA, UN AMICO PER TUTTI I TIPI DI PELLE

La lavanda è una delle piante più conosciute. Sarà merito dei suoi splendidi colori, del suo profumo intenso o delle sue innumerevoli proprietà? Chissà. Fatto sta che la lavanda è apprezzatissima anche nella cosmesi home made.
Oleoliti alla lavanda
Oggi parliamo dell'oleolito di lavanda, una preparazione utilissima per tutti i tipi di pelle: dalle forti proprietà lenitive, questo oleolito è efficace contro le irritazioni della pelle e le punture di insetto ed è indicato anche per i più piccini. Inoltre è un vero e proprio toccasana per il benessere, grazie al suo profumo delicato e buonissimo. Ma come si prepara? Vediamolo insieme.

Oleolito di lavanda: ingredienti e materiali necessari

Per preparare l'oleolito di lavanda, dovremo procurarci:
  • Olio di semi di girasole oppure olio di riso, ovviamente biologici. Si può usare anche l'olio extravergine di oliva, ma è un po' troppo denso.
  • Lavanda essiccata. Se avete della lavanda in giardino, potete raccoglierla e seccarne alcuni mazzi: per l'oleolito vi serviranno solo i capitolini viola, ma quando la lavanda è secca si staccano molto facilmente. In alternativa, potete comprarla sfusa in una qualunque erboristeria.
  • Un barattolo di vetro scuro con il tappo. Se non lo trovate di vetro scuro, va bene anche un barattolo normale che poi coprirete con carta stagnola. Un colino e un fazzoletto pulito.
  • Boccettine scure con pipetta in cui versare l'oleolito pronto per essere utilizzato.

Procedura per preparare un ottimo oleolito di lavanda

L'oleolito di lavanda è un macerato del fiore in olio. Si utilizza in questo caso una macerazione a freddo: il preparato non viene cioè esposto al sole né scaldato per non alterare le proprietà della pianta, e il grosso del lavoro lo fa il tempo. Bisogna infatti lasciarlo macerare per 30/35 giorni, in modo che l'olio possa estrarre tutti i principi attivi della pianta.
  • Iniziate versando i fiorellini di lavanda secca nel barattolo scuro: dovrete riempirne circa la metà.
  • Versate poi l'olio. La quantità di olio deve essere doppia rispetto a quella dei fiori.
  • Ricordate di lasciare un paio di centimetri di spazio vuoto nel barattolo!
  • Chiudete il barattolo ben stretto, copritelo di stagnola se ce n'è bisogno e riponetelo in un luogo buio e secco.
  • Lasciate passare 30/35 giorni, ricordandovi però di agitare di tanto in tanto il barattolo.
  • Trascorsi i 30 giorni si può filtrare l’olio usando una garza riposta su un colino: mi raccomando, premete bene il composto per estrarre tutto l’olio! L’ideale sarebbe filtrarlo due volte, per eliminare tutte le impurità e ottenere un composto puro e limpido.

Come usare l'oleolito di lavanda?

L'oleolito di lavanda è ottimo come olio per il corpo: si può usare dopo la doccia sulla pelle ancora umida, per idratarla e renderla elastica e morbida. Va benissimo se avete la pelle irritata dal sole o particolarmente secca, perché la lavanda ha proprietà lenitive, e pure per combattere le punture di insetto. Essendo inoltre un oleolito molto delicato, è particolarmente anche per la cura della pelle dei neonati.

RESTA CONNESSO

ARTICOLI PIÚ LETTI

REDAZIONE

ISCRIVITI PER RICEVERE NOVITÁ E OFFERTE SPECIALI

CONTATTI

INDIRIZZO

Azienda Agricola Adriano Galizzi
Via Pezzoli d'Albertoni 101
Leffe (BG)
24026
Image
[email protected] - 348.8854617
Via P. d'Albertoni 101, Leffe (BG)
Lunedì - Venerdì: 8.00 - 16.00